sei in: Bessarabia > La Pentecoste in Bessarabia

La Pentecoste1 in Bessarabia

la Pentecoste
la Pentecoste

a Pentecoste, la discesadiscesadiscesa dello Spirito Santo e della fondazione della Chiesa, nei villaggi tedeschi della Bessarabia venivano collocati gli “alberi di Pentecoste” che non erano solo espressione di allegria e di gioia per la primavera, ma contemporaneamente anche simbolo dell'amore appena sbocciato.

Così che la mattina della Pentecoste, più di qualche "bellezza" poteva constatare che durante la notte di fronte alla sua casa era stato piantato in suo onore, un meraviglioso albero della Pentecoste.

Buone Pentecoste
Buone Pentecoste

Questo, da parte del suo corteggiatore, era un grande atto, perché per farlo ci voleva il consenso e la cooperazione di tutti i suoi amici. In cambio non doveva mancare un buon bicchiere di vino.

 

Succedeva anche che tra le case degli innamorati venivano sparsi "viottoli di paglia". Così le ragazze, che erano state onorate con le “vie di paglia”, dovevano alzarsi al mattino presto per spazzare via le tracce della paglia. Infatti la “via di paglia” era considerato un segno di cattiva condotta.

 

Ma nella notte prima della festa di Pentecoste venivano eseguite anche altre birbonate.

Così se qualcuno dormiva nel cortile veniva trasportato con tutto il suo letto nel giardino; o venivano smontati i cancelletti e nascosti, ecc..

fonte: Karl Ziegler: Chronik der Gemeinde Gnadenfeld, Buchdruckerei Alfred Kurtzer, 1963;

 

barra

indietro 1 avanti
la discesa dello Spirito Santo
Bibbia di Merian (1630): calcografia colorato a mano
la discesa dello Spirito Santo

1 Pentecoste, la discesa dello Spirito Santo e festa della fondazione della comunità cristiana (chiesa) viene spesso raffigurata con una colomba.
La parola Pentecoste deriva dal greco "pentekosté", cinquantesimo e, significa semplicemente l'intervallo temporale di 50 giorni da Pasqua. Con la Pentecoste termina anche il periodo pasquale.
Nell'ebraismo la Pentecoste era originariamente una festa del raccolto con offerte di ringraziamento. Mentre la Pasqua ebraica segnava l'inizio del raccolto dei cereali, al cinquantesimo giorno dopo la Pasqua veniva festeggiato il Shavuot (sette settimane), il giorno della offerta dei primi frutti. Più tardi questo giorno venne denominato anche festa delle settimane (festa ebraica per commemorare il ricevimento della Torah sul Monte Sinai).
La Pentecoste, come festa cristiana, venne menzionata per la prima volta nel 4° secolo. Nella Chiesa cristiana la Pentecoste è la festa dello Spirito Santo. Secondo la tradizione biblica, il giorno della Pentecoste arrivò lo Spirito Santo, promesso da Gesù, sulla terra. Gli apostoli e i discepoli, che si erano riuniti a Gerusalemme (Atti degli Apostoli 2), ricevettero lo Spirito Santo, cioè la fede vivente che Dio ha risuscitato Gesù dai morti, che Gesù vive e regna.
"...tutti furono pieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue come lo Spirito dava loro il potere d'esprimersi." (Atti degli Apostoli 2: 4). E tutta la folla che era venuta a Gerusalemme “rimase sbigottita perché ciascuno li sentiva parlare la propria lingua. Erano stupefatti e fuori di sé per lo stupore dicevano: “Costoro che parlano non sono forse tutti Galilei? E com'è che li sentiamo ciascuno parlare la nostra lingua nativa?" (Atti degli Apostoli 2: 6-8)
Da quel momento tutte le persone del mondo dovevano sentire dal grande amore di Dio. Ognuno doveva sapere che attraverso Gesù era aperta la via verso Dio e ognuno poteva raggiungere Dio. Questo messaggio si sparse rapidamente e molta gente cambiò vita, perché nelle vicinanze di Dio potevano liberarsi dei loro peccati. Regolarmente si riunirono per sapere di più su Gesù. Festeggiavano insieme ed erano una grande famiglia. La Pentecoste quindi è il “compleanno” della comunità cristiana, della Chiesa.
Nel 6° secolo la colomba divenne il simbolo dello Spirito Santo e della Pentecoste. Già nell'antichità, la colomba era un simbolo di dolcezza, di semplicità e di innocenza, perché si presumeva che non avesse bile e quindi era senza male e senza amaro.

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2017
CSS validoHTML valido