sei in: Bessarabia > La Bessarabia multietnica

La convivenza con le altre nazionalità

(parte 2 di 4)

d

una famiglia gagauza in Bessarabia
una famiglia gagauza in Bessarabia

a base della convivenza creatasi nel corso del 19° secolo era rispetto reciproco delle rispettive particolarità. L'identità dei residenti non era definita dalla loro comune appartenenza all'Impero russo, ma dall'appartenenza ai rispettivi gruppi etnici, linguistici e religiosi o con altre caratteristiche del gruppo etnico. Su questa base generalmente accettata, le diverse etnie si potevano incontrare in modo consapevole e senza il timore di un eccessivo influsso straniero.

 

mio padre Hugo Hiller (a destra) con suo fratello Willi Hiller nel costume domenicale, la camicia russa intorno all'anno 1926
mio padre Hugo Hiller (a destra) con
suo fratello Willi Hiller nel costume domenicale,
la camicia russa intorno all'anno 1926

Luoghi di incontro naturale erano i borghi con diritto di tenere mercato, dove fino al 1930 i membri dei diversi gruppi etnici erano ancora riconoscibili dai loro vestiti: i bulgari1 con una pancera di stoffa rossa e le scarpe fatte in casa, i moldavi con un abbigliamento di lino chiaro dai ricami caratteristici, i russi con la loro camicia russa indossata fuori dai pantaloni, gli ebrei spesso ancora con il loro caffettano, il kippah e la caratteristica pettinatura (riccioli temporali "peyes" per gli uomini e una parrucca per le donne), i tedeschi con gli stivaloni, le tedesche con un grande foulard che serviva come sostituto del cappotto. Oltre ai confini etnici, molti uomini portavano durante l'inverno un cappello “a pan di zucchero” di pelliccia di pecora tinto di nero.

mio padre Hugo Hiller con cappello “a pan di zucchero” aiuta a ritirare il pane, intorno all'anno 1940
mio padre Hugo Hiller con cappello “a pan di zucchero” aiuta a ritirare il pane, intorno all'anno 1940

 

Con il tempo e con la crescente prosperità dei tedeschi, il contatto con gli altri divenne regolare perché, venivano assunte sempre più persone dai paesi vicini, come, ad esempio i pastori per le greggi di bovini e ovini, gli apprendisti presso gli artigiani, gli aiutanti e le domestiche nelle aziende agricole.

Soprattutto gli ultimi vivevano in stretto contatto con i loro datori di lavoro perché partecipavano ai pasti, alle preghiere ecc., il che spiega lo scambio delle ricette culinarie.

holubzi
holubzi

Così i tedeschi, che avevano portato i farinacei, impararono ad apprezzare il piatto nazionale rumeno, la polenta “mămăligă”, dai tedeschi chiamata semplicemente "mamlik”, o gli involtini di cavolo ucraini "holubzi" (colombina), o la zuppa di verdure russa "boršč", o il dolce pasquale russo "paschka" e "kulitsch"; il piatto nazionale dei tedeschi della Bessarabia, “strudla" (strudel) con patate e carne, sembra di essere invece dei vicini bulgari perché questi avevano piatti simili.

Dall'altra parte, i dipendenti imparavano naturalmente la lingua del loro datore di lavoro.

tutti gli abitanti di Sofiental aiutano a raccogliere il fieno
tutti gli abitanti di Sofiental aiutano a raccogliere il fieno

Uno dei motivi principali per i quali i giovani dei paesi vicini andavano a lavorare presso i tedeschi, era quello di poter apprendere le conoscenze agricole e artigianali che non conoscevano nel loro ambiente ed anche perché i tedeschi pagavano bene.

 

barra

indietro 1 2 3 4 avanti

1 Bulgari = alcune famiglie bulgare, per trovare protezione dall'Impero Ottomano, immigrarono nella Bessarabia meridionale già nel 1770, 1790 e 1806, dove si stabilirono nel Budjak, nella zona di Izmail. Nel 1812 quando la Bessarabia venne annessa alla Russia, i coloni bulgari vivevano in 60 villaggi della Bessarabia.
Gruppi più numerosi immigrarono durante gli insediamenti programmati dalla Russia dopo la conquista definitiva della Bessarabia del 1812. Si stabilirono ad ovest della città Izmail, nelle vicinanze di Bolgrad e sui terreni abbandonati dai tartari.
Nel 1819 i 24.000 bulgari che vivevano in Bessarabia ricevettero un auto-governo e lo status di coloni, che era associato con privilegi.
Nel 1927 vivevano in Bessarabia circa 150.000 bulgari.

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2017
CSS validoHTML valido