sei in: Bessarabia > La Bessarabia multietnica

La convivenza con le altre nazionalità

(parte 4 di 4)

t

moldavi in Bessarabia
moldavi in Bessarabia

ra le diverse mentalità della popolazione rurale, emerse una stratificazione sociale delle nazionalità, che ebbe inizio con i tedeschi, con la loro istruzione e le loro regole fondamentali, tra le quali c'era naturalmente anche l'aspirazione al successo economico; seguivano i bulgari1 e i gagauzi2, anche loro influenzati dallo spirito dei coloni ed infine venivano i moldavi che erano particolarmente modesti e vivevano con poche pretese. La popolazione urbana però aveva standard differenti.

 

un orto
un orto

A poco a poco tra le singole nazionalità si verificò una specializzazione nelle attività professionali: i bulgari erano giardinieri esperti in verdure ed ortaggi; i russi erano richiesti come operai edili; gli zingari come riparatori di pentole e musicisti; gli ebrei operavano in ​​ogni genere di professione commerciale, dal ricco commerciante al rigattiere più povero. I tedeschi, per le condizioni d'insediamento, inizialmente erano quasi tutti agricoltori.

nella fattoria di mio nonno Johannes Hiller a Sofiental (Bessarabia)
nella fattoria di mio nonno Johannes Hiller a Sofiental (Bessarabia)

 

Più tardi l'immagine professionale si differenziò un poco: alcuni progredirono e diventarono proprietari terrieri. Gli altri, soprattutto nelle colonie secondarie, visto che spesso dovevano affrontare difficoltà economiche, a causa della mancanza di pioggia che faceva sì che si verificassero sporadicamente cattivi raccolti.

carrozzai
carrozzai

Con il tempo divennero sempre più artigiani tipici della vita rurale come fabbri, carpentieri, carrozzai, o anche piccoli produttori in serie di attrezzature agricole e di mulini; si diffuse inoltre la produzione tessile.

Portatori di cultura in primo luogo erano gli insegnanti e i pastori; un ceto limitato di medici ed altri accademici si formò solo dopo la 1° guerra mondiale.

Solo alla fine del 19° secolo, negli insediamenti tedeschi venivano assunti anche funzionari dello Stato di altre nazionalità, come insegnanti, poliziotti e personale amministrativo, e questo soprattutto nel tempo rumeno dal 1918 al 1940.

la Romania tra le due guerre

 

Per questi e altri fattori in Bessarabia ne risultò una convivenza in armonia delle diverse nazionalità, che era sorprendente, anche se non sempre priva di conflitti.

 

barra

indietro 1 2 3 4 avanti

1 Bulgari = alcune famiglie bulgare, per trovare protezione dall'Impero Ottomano, immigrarono nella Bessarabia meridionale già nel 1770, 1790 e 1806, dove si stabilirono nel Budjak, nella zona di Izmail. Nel 1812 quando la Bessarabia venne annessa alla Russia, i coloni bulgari vivevano in 60 villaggi della Bessarabia.
Gruppi più numerosi immigrarono durante gli insediamenti programmati dalla Russia dopo la conquista definitiva della Bessarabia del 1812. Si stabilirono ad ovest della città Izmail, nelle vicinanze di Bolgrad e sui terreni abbandonati dai tartari.
Nel 1819 i 24.000 bulgari che vivevano in Bessarabia ricevettero un auto-governo e lo status di coloni, che era associato con privilegi.
Nel 1927 vivevano in Bessarabia circa 150.000 bulgari.

2 Gagauzi = gruppo etnico cristiano nel territorio autonomo della Gagauzia in Moldova, nel sudest della Bessarabia, in Russia, nell'Ucraina, in Romania e in Bulgaria; gli antenati dei gagauzi sono i p opoli turchi dei Peceneghi e dei Kipčaki.

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2016
CSS validoHTML valido