sei in: Bessarabia >

La Bessarabia nel Medioevo

(parte 2 di 3)

 

La Bessarabia - una parte del Principato di Moldavia

il Principato di Moldavia (1359 -1418)
il Principato di Moldavia (1359 -1418)

dopo il 1360 il territorio della Bessarabia, la cui popolazione era di religione cristiano-ortodossa e di lingua romena, fu annesso a poco a poco al Principato di Moldavia; il suo confine orientale orientale era il fiume Nistro.

Nel 1392 il Principato di Moldavia prese anche il controllo delle fortezze di Cetatea Albă1 e Kiliia.

Alla fine del 14° secolo la parte meridionale della regione entrò a far parte della Valacchia per molti decenni.

 

Il termine "paese dei Basarb" (secondo la dinastia principale della Valacchia) che inizialmente era usato solo per la Valacchia orientale (Muntenia), venne poi trasferito alla zona del Mar Nero al di là del delta del Danubio.

Il Principato di Valacchia, durante il regno del principe Mircea I cel Bătrân (1386–1418)
Il Principato di Valacchia, durante il regno del principe Mircea I cel Bătrân (1386–1418)

 

Bessarabia dal 1812 al 1940
Bessarabia dal 1812 al 1940

 

Questa striscia meridionale, fino al 19° secolo, era considerata come la Bessarabia storica.

Solo dopo la pace di Bucarest (1812), quando la parte orientale della Moldavia venne incorporata nell'Impero Russo, l'amministrazione russa introdusse il nome “Bessarabia” per l'intero territorio tra i fiumi Prut e Nistro.

 

Bogdan I
Bogdan I

Nella storia rumena la Bessarabia viene considerata parte del Principato di Moldavia, il quale venne fondato dal Voivoda1 Bogdan I sul confine orientale dell'Ungheria nella seconda metà del 14° secolo. Il territorio di Bogdan inizialmente comprendeva solo la zona spopolata tra Siret e Prut.

la zona tra Siret e Prut
la zona tra Siret e Prut

 

All'inizio del 15° secolo, ai tempi di Alexandru cel Bun (il Buono), il Principato di Moldavia si estese dal fiume Nistro fino ai Carpazi orientali.

il Principato di Moldavia ai tempi di Alexandru cel Bun
il Principato di Moldavia ai tempi di Alexandru cel Bun

 

Alexandru cel Bun
Alexandru cel Bun

Nel tardo Medioevo la regione storica della Moldavia fu un paese di transito tra l'Europa centrale e l'Oriente. Qui si incrociavano importanti vie commerciali dall'Ungheria, alla foce del Danubio fino al Mar Nero, dalla Polonia alla costa del Mar Nero e verso i mercati esteri in Crimea.

Il principi moldavi, per proteggere la regione contro ulteriori invasioni tartare3, costruirono una fitta rete di fortificazioni lungo il fiume Nistro.

Ştefan cel Mare
Ştefan cel Mare

 

Il Principato di Moldavia ebbe il suo periodo di massimo splendore negli anni compresi tra il 1457 ed il 1504, sotto la guida di Stefano il Grande (Ştefan cel Mare).

Stefano, per difendere il suo paese da tutti i paesi vicini (soprattutto gli ottomani4 e tartari, ma anche Ungheria e Polonia), vinse durante il suo regno 32 battaglie e ne perse solo 2.

 

 

il monastero Voroneţ nella Bukovina meridionale
il monastero Voroneţ nella Bukovina meridionale

Dopo ogni vittoria, Stefano il Grande, per rendere omaggio al cristianesimo, faceva costruire nei pressi del campo di battaglia un monastero o una chiesa.

Molti di questi campi di battaglia, chiese, monasteri e antiche fortezze sono situati in Bessarabia.

 

barra

indietro 1 2 3 avanti

1 Cetatea Albă = nel 6 ° secolo a.C., dove oggi si trova la città di Cetatea Albă, venne fondata la colonia di Tyras, rimasta fino al 4° secolo a.C. Storicamente e in altre lingue, la città era conosciuta anche come: Asprokastron o Maurokastron in lingua greca, Maurocastrum o Moncastrum in latino e Cetatea Albă (cittadella bianca) in rumeno. Nei documenti slavi la città viene menzionata con il nome Bialgorod (città bianca). Nel 15° secolo, così come tra il 1918 e il 1940 e poi dal 1941 fino al 1944 la città aveva il nome ufficiale rumeno di Cetatea Albă. Dal 1503 al 1918 e dal 1940 al 1941 la città venne chiamata anche Akkerman (Аккерман: dal turco "città bianca"). Dal 1944 al 1991 la città ebbe il nome russo di Belgorod-Dnestrovskij (Белгород- Днестровский). Dal 1991 la città si chiama Bilhorod-Dnistrowskyj (Білгород- Дністровський).

2 Voivoda = originariamente, nel Medioevo, termine slavo per un leader militare eletto; più tardi titolo per gli alti funzionari. Titolo dei governanti in Moldavia, in Valacchia e in Transilvania fino al 16° secolo.

3 Tartari = dal greco tartaros: „quelli che vengono dall'inferno “; popolazione di origine turca proveniente dall'Asia centrale e dalla Siberia. Dopo essere stati sottomessi dai mongoli, i tatari invasero parte dell'Europa nel corso del XIII secolo. Guidati da Batu Khan, nipote di Gengis Khan, fondarono nel XIII secolo il khanato dell'Orda d'Oro, un vasto impero che governò gran parte delle regioni russe e giunse a controllare anche alcune regioni dell'Europa orientale (Carpazi, Bessarabia, Bulgaria, Polonia). Con la disgregazione dell'Orda d'Oro, nel XV secolo, nacquero alcuni khanati indipendenti (Kazan, Astrakhan, Sibir e Crimea). Nel XVI secolo i primi tre khanati furono conquistati dallo zar Ivan IV e nel 1783 anche la Crimea, ultimo stato tartaro, fu annesso all'impero russo.
3 Ottomani = storico popolo turco nell'Asia Minore; dal 1923 collettivamente nominato con il termine di "Turchi".

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2017
CSS validoHTML valido