sei in: Bessarabia > la Bessarabia multietnica > gli zingari della Bessarabia

I Roma1 in Europa

(parte 2 di 4)

Roma in Constantinopoli
Roma in Constantinopoli

tra il 9° e l'11° secolo la prima ondata di Roma raggiunse il territorio europeo attraversando Costantinopoli2; popolò i territori europei dell'Impero Bizantino, della Bulgaria, della Serbia, del Montenegro, della Bosnia e dei Principati Danubiani della Moldavia e della Valacchia.

tamburino ottomano
tamburino ottomano

 

Ancora molti Roma vennero nei Balcani durante le invasioni ottomane nel 14° e 15° secolo.

Probabilmente i Roma stessi presero parte a queste invasioni, per esempio, come soldati ausiliari o artigiani al servizio dell'esercito o tra le persone che accompagnavano l'invasione, come per esempio i musicisti.

 

 

 

Franciszek Streitt: una famiglia Roma
      sulla strada
Franciszek Streitt: una famiglia Roma sulla strada

 

L'Impero Ottomano (1299-1922) dominò i Balcani per più di cinque secoli e influenzò la cultura e la storia della regione consistentemente. Di conseguenza, l'Impero ottomano ebbe un ruolo importante nel processo di sviluppo dei Roma.

 

I Roma nei Principati Danubiani

il Principato di Moldavia (1359 -1418)
il Principato di Moldavia (1359 -1418)

Documenti che dimostrano la presenza e l'asservimento dei Roma in Europa sono quelli dei Principati Danubiani di Moldavia e di Valacchia (la Romania moderna), ai quali appartenne anche la Bessarabia dal 1360.

Nei Principati Danubiani i Roma per 500 anni sono stati schiavi3 dei boiardi, dei principi e dei rappresentanti della Chiesa.

 

I Roma in Valacchia

il monastero Cozia
il monastero Cozia

Così nel 1385 Dan I, voivoda di Valacchia, confermò al convento di Santa Maria di Tismana alcune donazioni, tra cui 40 "Salasch" (una parola turca che significa "famiglia" o "gruppi di tende") di "Athinganoi" (" zingari ").

 

Il successore di Dan, Mircea I., nel 1388 donò a Cozia, un monastero di nuova costruzione, 300 “Salasch” di Roma.

 

Alexandru cel Bun
Alexandru cel Bun

I Roman in Moldavia

Nel 1428 nella vicina Moldavia, alla quale apparteneva la Bessarabia dal 1360, Alexandru cel Bun stanziò al monastero di Bistriţa 31 "Tscheljadi" (una parola slava, la stessa di "Salasch") di "Tigani" e 12 tende di "tartari". Possiamo quindi supporre che i Roma presero piedi nei Balcani, al più tardi, nella seconda metà del 14° secolo.

Nei Principati Danubiani i Roma, per la loro capacità tecnica, erano molto graditi.

Nickolai Bessonov: la chiromanzia
Nickolai Bessonov: la chiromanzia

Lo stile di vita dei Roma era caratteristico, perché i loro servizi e la loro gamma di prodotti non erano destinati ai Roma stessi ma ad altri gruppi sociali ed etnici della popolazione dei Balcani. Le loro attività principali erano diversi tipi di lavorazione dei metalli, il commercio di cavalli, le riparazioni, la divinazione e la chiromanzia, la musica, ma anche le competenze nelle “arti” disoneste, come il borseggio. Per vendere meglio i loro mestieri i Roma preferivano la vita nomade alla vita stanziale.

Costantinopoli
Costantinopoli

Ma quando i Principati di Moldavia (1396) e Valacchia (1500) divennero tributari dell'Impero Ottomano, il commercio in questa regione cessò quasi del tutto. I raccolti dell'agricoltura venivano portati a Costantinopoli a prezzi bassi e, a causa del calo dei redditi e di una pressione fiscale superiore, i piccoli agricoltori si trovarono in schiavitù. Così anche i Roma divennero di proprietà dello Stato, della Chiesa o di grandi proprietari terrieri e per secoli furono schiavi o servi della gleba.

 

Nikolai Bessonov: Robi domnești
Nikolai Bessonov: Robi domnești

"Gli Zingari devono nascere solo come schiavi; ognuno che è stato partorito da una madre schiava deve diventare schiavo",

diceva un codice valacco all'inizio del 19° secolo. La compravendita, come il dono o la concessione in locazione di intere famiglie di schiavi era una pratica comune. I rispettivi proprietari avevano pressoché un diritto illimitato sui loro schiavi. Potevano fare di loro ciò che volevano e solo la loro uccisione era proibita.

lavatore dell'oro
lavatore dell'oro

Tuttavia, ci sono stati diversi gradi di servitù. I Robi domnești (servi della Corona) per esempio, all'interno del territorio sovrano, potevano, come nomadi, dedicarsi abbastanza liberamente al loro mestiere di fabbri (kalderaš), intagliatori di cucchiai (lingurari) o lavatori dell'oro (aurari), ecc.; dovevano tuttavia pagare alla famiglia regnante le dovute tasse e potevano essere donati a piacimento ad un principe o ad un monastero.

I Robi mănăstirești (servi dei monasteri) e i Robi boiereşti (servi dei boiardi) lavoravano come lavoratori agricoli stanziali o come servi della casa in una proprietà monastica o secolare.

Roma durante la preparazione di carne umana
illustrazione in un giornale francese

 

Già in molte fonti antiche i Roma vennero accusati, anche senza alcuna prova, di immoralità e di spionaggio al servizio degli ottomani e complessivamente venne disegnato un quadro di un popolo "traditore" ed "infedele".

 

 

 

barra

indietro 1 2 3 4 avanti

1 Roma = termine per gli zingari dell'Europa sud-orientale.

2 Costantinopoli = nome antico della odierna città di Istanbul sul Bosforo in Turchia. L'imperatore romano Costantino I, conosciuto come Costantino il Grande, fece dalla piuttosto piccola città coloniale greca Bisanzio nel 330 la capitale dell'Impero romano e le diede il nome di "Nova Roma " (la seconda Roma). Dopo la sua morte, in suo onore, alla città venne data il nome Costantinopoli.
Costantinopoli per molto tempo fu il centro della cristianità. Essa collegava l'eredità dei romani con la filosofia dei greci e la fede dei Padri della Chiesa. Nel 12° secolo Costantinopoli aveva 1 milione di abitanti: la città più grande del mondo; 300 anni più tardi vivevano lì solo 50.000 persone. La perla del cristianesimo aveva perso il suo splendore.

3 Schiavi = Servi della gleba che vivevano in assoluta dipendenza economica e giuridica da un'altra persona. Mentre la servitù della gleba era fondamentalmente da intendersi come un obbligo reciproco (con obblighi fiscali e di servizio e una relativa possibilità di avere proprietà in cambio di protezione) e non significava una totale mancanza di libertà del servo, lo schiavo non era considerato un essere umano completo. Egli era visto piuttosto come un animale e faceva parte dei beni mobili del suo proprietario che ne era entrato in possesso attraverso la cattura, l'acquisto o la donazione.

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2016
CSS validoHTML valido