sei in: Bessarabia > La Bessarabia nel 20° secolo

La Bessarabia sotto dominio rumeno

(parte 4 di 7)

 

Il trattato di Versailles

William Orpen: il trattato di
      pace firmato nella Sala degli specchi di Versailles
William Orpen:
il trattato di pace firmato nella
Sala degli specchi di Versailles

nNel 1920, con il Trattato di Versailles, da parte della Francia, Gran Bretagna e Italia ci fu il riconoscimento internazionale della Bessarabia come parte della Romania, ma il trattato non entrò mai in vigore perché non venne firmato dal Giappone. Gli Stati Uniti si rifiutarono di firmare il trattato perché l' Unione Sovietica, nata dopo il 1918 non partecipò alla conferenza e si rifiutò di riconoscere l'annessione della Bessarabia alla Romania. Nel 1924 l'Unione Sovietica pretese un referendum popolare, che la Romania respinse per la seconda volta. L'Unione Sovietica dichiarò che la Bessarabia era territorio sovietico sotto occupazione straniera. L' Unione Sovietica non superò mai la perdita della Bessarabia e Stalin continuamente richedeva la restituzione del paese.

 

Il periodo tra le due guerre (dal 1918 al 1940)

L'invasione delle truppe rumene e l'annessione della Bessarabia al Regno fermò certamente la minaccia comunista, ma per i tedeschi della Bessarabia dovevano essere affrontati nuovi pericoli.

la Romania tra le due guerre

 

soldati rumeni
soldati rumeni

Inizialmente nello stato rumeno venne rispettata l'autonomia della Bessarabia ma, con il tempo, venne imposta una gestione centralizzata.

Nel periodo tra le due guerre, dal 1918 al 1940, c'è stato uno sviluppo economico e la Romania si impegnò fortemente all'ampliamento delle infrastrutture in Bessarabia. Iniziò in Bessarabia una certa rumenizzione, che sostituì la russificazione, ma che non era così forte come quella russa. In gran parte le istituzioni delle minoranze continuarono ad esistere.

La Bessarabia, provincia lontana e retrograda nella parte orientale della Romania, divenne una zona di trasferimento per i funzionari rumeni per motivi disciplinari.

Nonostante tutto, per la maggior parte della popolazione la lingua madre (rumeno) ritornò ad essere, per la prima volta dopo il 1812, lingua ufficiale e lingua d'insegnamento.

Anche a causa della riforma agraria del 1920, con l'esproprio dei grandi proprietari terrieri che avevano più di 100 ettari, molti contadini senza terra (prevalentemente tedeschi) entrarono in possesso di un pezzo di terra (6 ettari a famiglia). Dal 1937, per ò, c'era per la minoranza ebrea un divieto per l'acquisto di terreno.

una fattoria rumena
una fattoria rumena

 

Tuttavia, i tedeschi della Bessarbia devono essere grati ai rumeni per averli preservati dal destino riservato ai tedeschi di Russia dopo l' occupazione della Bessarabia.

 

Nel censimento rumeno del 1930 nella Bessarabia vivevano circa 2,8 milioni di persone. La popolazione era formata da:

  • rumeni (moldavi) 57%;
  • russi 12%;
  • ucraini 11%;
  • ebrei 7%;
  • bulgari1 6%;
  • tedeschi 3%;
  • altri 1%, tra cui gagauzi2, roma, greci, armeni, cosacchi.
una famiglia bulgara
una famiglia bulgara

 

barra

indietro 1 2 3 4 5 6 7 avanti

1 Bulgari = alcune famiglie bulgare, per trovare protezione dall'Impero Ottomano, immigrarono nella Bessarabia meridionale già nel 1770, 1790 e 1806, dove si stabilirono nel Budjak, nella zona di Izmail. Nel 1812 quando la Bessarabia venne annessa alla Russia, i coloni bulgari vivevano in 60 villaggi della Bessarabia.
Gruppi più numerosi immigrarono durante gli insediamenti programmati dalla Russia dopo la conquista definitiva della Bessarabia del 1812. Si stabilirono ad ovest della città Izmail, nelle vicinanze di Bolgrad e sui terreni abbandonati dai tartari.
Nel 1819 i 24.000 bulgari che vivevano in Bessarabia ricevettero un auto-governo e lo status di coloni, che era associato con privilegi.
Nel 1927 vivevano in Bessarabia circa 150.000 bulgari.

2 Gagauzi = gruppo etnico cristiano nel territorio autonomo della Gagauzia in Moldova, nel sudest della Bessarabia, in Russia, nell'Ucraina, in Romania e in Bulgaria; gli antenati dei gagauzi sono i popoli turchi dei Peceneghi e dei Kipčaki.

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2016
CSS validoHTML valido