sei in: Bessarabia >

La Bessarabia multietnica

(parte 5 di 5)

I coloni della Germania sud-occidentale

dal 1816 vennero invitati dallo stesso zar altri coloni provenienti dalla Germania sud-occidentale (Württemberg, Baden). Dal 1821 emigrarono in Bessarabia dei coloni dalla Svevia bavarese per fondare, insieme ai coloni del Württemberg, colonia madre di Sarata; un piccolo gruppo di viticoltori provenienti dalla Svizzera tedesca e dalla Svizzera romanda vennero insediati a Schabo a partire dal 1822.

Anche in mezzo a questi coloni erano presenti alcuni dei miei antenati:

 

  • il mio bis-bis-bis-bis-bisnonno da parte di padre Johann Balthasar Blatter1, tessitore, nato in Gundelfingen nel tribunale provinciale di Lauingen nella Svevia bavarese il 20/7/1760 con moglie e 5 figli;
  • il mio bis-bis-bis-bisnonno da parte di padre Anton Schmucker2, contadino, nato in Offingen nel tribunale provinciale di Günzburg nella Svevia bavarese il 1751 con moglie e 3 figli;
  • il mio bis-bis-bis-bisnonno da parte di padre Georg Bosch, carpentiere, nato in Asselfingen (provincia di Ulma, Württemberg) nel 1773 con moglie e 4 figle;

 

Mühlig Hugo: strada di campagna con carro trainato da cavalli
Mühlig Hugo:
strada di campagna con carro trainato da cavalli

Bis-bis-bisnonni paterni:

  • Jakob Blatt3, nato in Lützelsachsen/Baden il 14/6/1801
    • Katharina Gabert, nata in Lützelsachsen/Baden;
  • Christian Leonhard Bechtle, nato in Höpfigheim (Württemberg) il 7/9/1784
    • Elisabetha Dorothes Groß, nata in Oberstenfeld (Württemberg) il 3/10/1789;
  • Johann-Georg Fuchs4, nato in Wasserburg (Baviera) il 25/4/1801
    • Klara Cleopha) Klein5, nata in Gundremmingen (Baviera) il 10/10/1802;
  • Jakob Fieß6, nato in Dürrmenz (Württemberg) il 8/10/1802
Se vuoi vedere il mio albero genealogico clicca qui clicca qui 
la casa del mio bis-bis-bisnonno Christoph Leonhard Bechtle a Höpfigheim (Württemberg)
la casa del mio quadrisavolo Christian Leonhard Bechtle a Höpfigheim (Württemberg)
dove viveva prima dell'emigrazione in Bessarabia con la moglie e 8 figli
(la foto è stata scattata da mio padre negli anni 60 del 20° secolo; era sicuro che si trattava della casa del suo bis-bisnonno Christian Leonhard Bechtle perché all'interno della casa si trovava una trave con inciso il suo nome e cognome)

 

In questo modo, tra il 1814 e il 1842, nacquero 25 colonie principali, tutte intorno ai torrenti Kogälnik, Tschaga, Tschiligider e Sarata nella Bessarabia meridionale (Budjak).

Bessarabia
La Bessarabia

 

Oltre ai tedeschi e svizzeri, le autorità coloniali russe insediarono in Bessarabia anche altri gruppi etnici, che solo in parte ricevettero lo “Status di colono” e dei privilegi modificati.

I coloni tedeschi, una piccola minoranza, vivevano come buoni vicini in mezzo alle altre comunità etniche, cosa tipica per la Bessarabia, quali moldavi, bulgari, gagauzi, russi, ucraini, ebrei ed altri.

La Russia, oltre alla bonifica del paese, con la colonizzazione perseguiva anche l'obiettivo politico di modificare la maggioranza della popolazione in origine rumena (moldava). Gli immigrati ricevevano privilegi e le migliori terre, cose che ai rumeni locali non venivano concesse.

 

la revisione demografica del 1816
la revisione demografica del 1816

Nella prima revisione demografica del 1816 vennero contate poco meno di 100.000 famiglie, corrispondenti a 491.679 anime. Una ripartizione per nazionalità mostrava che i rumeni, cioè i moldavi, con l'86%, costituivano la maggioranza della popolazione della Bessarabia. Inoltre vennero contati 6,5% ruteni (ucraini), 4,2% ebrei, 1,5% lipovani7, 0,7% greci, 0.6% armeni, 0,25% bulgari8 e 0,25% gagauzi9.

In questo censimento i coloni tedeschi non erano ancora stati inclusi. Anche gli zingari della Bessarabia, a quel tempo, schiavi dei proprietari terrieri moldavi, non erano inclusi.

 

L'assegnazione generosa di terreni a meritevoli funzionari militari e amministrativi dell'Impero zarista crearono, a partire dalla metà del 19° secolo, le condizioni per la colonizzazione interna, con la formazione di colonie secondarie su ex territori aristocratici che gradualmente venivano affittati o venduti ai coloni tedeschi.

una colonia secondaria in Bessarabia

 

Fino al “Umsiedlung” dell'anno 1940, erano nate gradualmente nella Bessarabia meridionale e centrale e, meno nella Bessarabia settentrionale, 125 colonie secondarie e 26 tra grandi tenute agricole e borgate.

 

barra

indietro 1 2 3 4 5 avanti

1Il mio bis-bis-bis-bisnonno cattolico da parte di padre, Johann Balthasar Blatter, nato a Gundelfingen (Baviera) il 20/7/1760 († a Sarata il 21/6/1831) e seguace di Ignaz Lindl, migrò con sua moglie Katharina Burkhardt e i suoi cinque figli, nati a Gundelfingen (Johann Balthasar, nato il 17/12/1794; Marie, nata nel 1800; Maria Magdalena, nata nel 1801; Viktoria, nata nel 1803; Marianne, nata nel 1806; Magdalena, nata nel 1807).
Nel luglio del 1821 partirono da Gundelfingen (provincia di Lauingen) nella Svevia bavarese e arrivarono a Odessa (Ucraina) il 24 settembre del 1821, dove vennero sistemati provvisoriamente in una delle colonie tedesche circostanti già esistenti.
Nella primavera del 1822 la famiglia Blatter, insieme ad altri emigranti, seguì Ignaz Lindl in Bessarabia per fondare lì la colonia madre di Sarata. Nel 1825, nel frattempo divenuto vedovo, viveva a Sarata, nella casa n° 31, con le sue 2 figlie Marie e Marianne.

2 Mio bis-bis-bis-bisnonno da parte di padre Anton Schmucker, vedovo, colono e agricoltore, emigrò nel 1821 a Sarata in Bessarabia insieme a suo figlio Aloys, nato nel 1795.
Il figlio Aloys, mio bis-bis-bisnonno, si sposò tra il 1822 e il 1825 visto che nel 1825 viveva con suo suocero e sua moglie Marianne Blatter a Sarata nella casa n° 46. Il 17 luglio 1827 nacque a Sarata l'unica figlia: Anaspesia.

3Jakob Blatt,, nato a Lützelsachsen (Baden) il 14/6/1801, nel 1830, con la moglie Katherina Gaber(t), nata a Lützelsachsen il 10/3/1796 e suo figlio JaKob Blatt, nato a Lützelsachsen il 6/4/1828, emigrò dapprima a Kopank (Kopanka, L'vivs'ka, Ukraine) e poi a Plotzk in Bessarabia. Nel 1839 appaiono nella lista dell'immigrazione della colonia principale di Plotzk.

4 Georg Fuchs sposò nel 1825 la vedova Kleopha e andò a vivere nella sua casa, al n° 85, dove lei aveva vissuto con il marito Jakob Friedrich Bendele. Con loro viveva anche Caroline Bendele (nata il 26/8/1825 in Sarata, † 24 dicembre 1907) nata dal primo matrimonio di Kleopha.
Georg Fuchs e Kleopha ebbero 9 figli: Johann Georg (nato il 30/8/1827); Marianna (nata il 28/03/1830); Gabriel (nato il 13/3/1832, il mio bis-bisnonno); Maria Cleopha (nata il 08/05/1834); Gottlieb (nato il 02/04/1836); Margarethe (nata il 19/10/1838); Teresia (nata il 22/3/1840); Cleopha (nata il 15/10/1842); Elizabetha (nata il 1/1/1847).
(Il cognome Fuchs (volpe) è un'acquisizione dell'alto tedesco medio "vuohs" = volpe, che sta per uomo astuto o uomo dai capelli rossi; ma sta anche per l'attività di pellicciaio che lavorava la pelliccia di volpe.

5 Klara Cleopha Klein, con i genitori affidatari Joseph Hobbacher (*1777) e Katharina Mais, emigrò a Odessa nel settembre 1821, dove arrivò il 7 novembre del 1821. Per il primo inverno la famiglia venne sistemata nei pressi di Odessa, nelle colonie tedesche già esistenti.
Nel 1824, Klara Cleopha sposò a Sarata il vedovo Jakob Friedrich Bendele, tessitore di Bächingen (Lauingen) in Baviera che era arrivato a Odessa nel 1821, con il primo gruppo di immigrazione dalla Bavaria.
Nella primavera del 1822 Jakob Friedrich Bendele, con altri coloni sotto la guida di Ignaz Lindl, si era trasferito in Bessarabia, dove fu tra i fondatori della colonia madre di Sarata. Il 23 ottobre 1823 era nato a Sarata suo figlio Jakobus; la madre di Jakobus era Agnes Offenwanger che era morta poco dopo la nascita del figlio.
Nel 1825 Jakob Friedrich Bendele visse con la sua famiglia a Sarata nella casa n. 85, dove morì il 22 novembre1825. Klara Cleopha Klein, rimasta vedova, sposò il mio quadrisavolo Johann Georg Fuchs e portò con se la figlia Carolina (*26.8.1825), nata dal precedente matrimonio. La coppia si stabilì a Sarata nella casa n° 85 dove, in precedenza, già viveva Klara Cleopha Klein; in quella casa la coppia ebbe 9 figli.

 

sposò il vedovo Jacob Friedrich Bendele, tessitore, di Bächingen sul Brenz (Lauingen) nel 1824. Bendele risulta nella lista del primo gruppo di emigrati del 1821 e nel 1825 abitava nella casa n° 85. Il 23 ottobre 1823 nacque suo figlio Jakobus in Sarata. La madre era Agnese Offenwanger.

6 Il chiliasta Karl Friedrich Fieß, il mio bisbisbisbisnonno da parte di padre, nato il 23/1/1775, sarto, nel 1818 emigrò da Dürrmenz (Mühlacker, Württemberg) ad Odessa con sua moglie Anna Maria Albrecht, nata il 13/9/1777, e 4 figli (Johann Jakob, nato il 8/10/1802 o 6/10/1801; Gottlieb, nato il 29/4/1805; Johann Martin, nato il 11/12/1808; Christian Wendel Fieß, nato il 29/9/1810).
Il figlio di Karl Friedrich, Johann Jakob, il mio bis-bis-bisnonno da parte di padre, calzolaio, conobbe a Odessa il carismatico sacerdote Ignaz Lindl e nel 1822 si trasferì con quest'ultimo in Bessarabia, dove fu uno dei fondatori della colonia madre di Sarata.
A Sarata Johann Jakob conobbe anche la sua futura moglie Magdalena Bosch (*6.12.1807 in Asselfingen, Württemberg) la quale era emigrata in Russia con i suoi genitori Georg e Anna Katharina Bosch nel 1820. Johann Jakob e Magdalena si sposarono a Sarata il 18 maggio 1825. Verso la fine del 1825 la coppia viveva in Sarata nella casa n° 53 insieme al vedovo Georg Bosch, padre di Magdalena. A Sarata ebbero quattro figli: Elisabeth (la mia bis-bisnonna) nata il 10/10/1830, Christian, nato il 30/3/1834, Christine nata il 30/8/1843 ed Anna Maria, nata il 1/7/1846. Magdalena morì nel 1856 e Jakob nel 1864, entrambi in Sarata.
(Il cognome Fieß probabilmente è un nome regionale per "piedi"o per la caratteristica dei piedi grossi.)

7 Lipovani = ortodossi russi, seguaci del vecchio rito ortodosso che fuggirono dalla Russia a partire dal 1654, per evitare le persecuzioni religiose da parte dello Stato e della Chiesa dopo la riforma del patriarca Nikon. Oggi vivono alla foce del Danubio, nel Budjak (ora Oblast di Odessa, Ucraina) e nella Dobrugia settentrionale (nella Romania odierna). I lipovani parlano una versione molto antica della lingua russa.

8 Bulgari = alcune famiglie bulgare, per trovare protezione dall'Impero Ottomano, immigrarono nella Bessarabia meridionale già nel 1770, 1790 e 1806, dove si stabilirono nel Budjak, nella zona di Izmail. Nel 1812 quando la Bessarabia venne annessa alla Russia, i coloni bulgari vivevano in 60 villaggi della Bessarabia.
Gruppi più numerosi immigrarono durante gli insediamenti programmati dalla Russia dopo la conquista definitiva della Bessarabia del 1812. Si stabilirono ad ovest della città Izmail, nelle vicinanze di Bolgrad e sui terreni abbandonati dai tartari.
Nel 1819 i 24.000 bulgari che vivevano in Bessarabia ricevettero un auto-governo e lo status di coloni, che era associato con privilegi.
Nel 1927 vivevano in Bessarabia circa 150.000 bulgari.

9 Gagauzi = gruppo etnico cristiano nel territorio autonomo della Gagauzia in Moldova, nel sudest della Bessarabia, in Russia, nell'Ucraina, in Romania e in Bulgaria; gli antenati dei gagauzi sono i popoli turchi dei Peceneghi e dei Kipčaki.

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2017
CSS validoHTML valido