sei in: Bessarabia >

La Bessarabia nel Medioevo

(parte 3 di 3)

 

La Bessarabia durante il periodo ottomano

Budjak
Budjak

nel 1484 gli Ottomani1 conquistarono la città di Kiliia e la strategicamente importante fortezza di Cetatea Albă2 sul Nistro-Liman3; inoltre annessero la costa della Bessarabia meridionale tra i fiumi Prut e Nistro ed il Mar Nero che, per la forma triangolare, venne chiamata Budjak (dal tartaro: angolo, triangolo).

 

Costantinopoli
Costantinopoli

Come già prima il Principato di Valacchia (1415-1877), anche il Principato di Moldavia (1489-1877) divenne per oltre 300 anni un vassallo degli ottomani, con l'obbligo di fornire truppe ausiliarie; ma in gran parte entrambi i principati riuscirono a mantenere la loro struttura economica e sociale. Le forniture di grano a Costantinopoli4 garantirono la loro autonomia interna.

Sultan Bayezit II.
Sultan Bayezit II.

 

Nel 1511 circa, la Bessarabia meridionale fu conquistata dal sultano Bayezid II e insediata con pastori dell'Orda Nogai5. Questi Nogai, organizzati in clan, tribù e orde, che girovagavano con le loro grandi mandrie di bestiame nella steppa, erano gli ultimi cavalieri nomadi tipici della regione del Mar Nero settentrionale.

Dopo la Pace di Bucarest del 1812 vennero espulsi.

l'Orda Nogai
l'Orda Nogai

 

ottomani
ottomani

Nel 1538 gli ottomani1 annessero ulteriore terreno bessarabico del sud, fino a Tighina.

 

Il Budjak, anche dopo il ritiro dei tartari6 (1812), mantenne il suo nome e dal 1814 divenne il territorio d'insediamento dei coloni tedeschi in Bessarabia.

 

fanariota
fanariota

Ma ancora più opprimente dell'obbligo tributario degli ottomani si dimostrò nel 18° secolo il dominio fanariota7 delle famiglie leader greche di Costantinopoli e moldavi incaricati dal sultano ed a lui devoti.

Questi fanarioti amministravano i principati per conto degli Ottomani ed erano noti per il loro sperpero di denaro e la loro durezza nell'esazione delle tasse.

 

Nelle guerre dell'Impero russo e quello austriaco contro gli Ottomani, dal 1711 al 1812, la Bessarabia venne occupata per cinque volte.

Clicca sull'immagine per vedere la mappa ingrandita
Bessarabia (in rosso) nel 1717
Bessarabia (in rosso) nel 1717

 

barra

indietro 1 2 3 avanti

1 Ottomani = storico popolo turco nell'Asia Minore; dal 1923 collettivamente nominato con il termine di "Turchi".

2 Cetatea Albă = nel 6 ° secolo a.C., dove oggi si trova la città di Cetatea Albă, venne fondata la colonia di Tyras, rimasta fino al 4° secolo a.C. Storicamente e in altre lingue, la città era conosciuta anche come: Asprokastron o Maurokastron in lingua greca, Maurocastrum o Moncastrum in latino e Cetatea Albă (cittadella bianca) in rumeno. Nei documenti slavi la città viene menzionata con il nome Bialgorod (città bianca). Nel 15° secolo, così come tra il 1918 e il 1940 e poi dal 1941 fino al 1944 la città aveva il nome ufficiale rumeno di Cetatea Albă. Dal 1503 al 1918 e dal 1940 al 1941 la città venne chiamata anche Akkerman (Аккерман: dal turco "città bianca"). Dal 1944 al 1991 la città ebbe il nome russo di Belgorod-Dnestrovskij (Белгород- Днестровский). Dal 1991 la città si chiama Bilhorod-Dnistrowskyj (Білгород- Дністровський).

3 Liman = insenature tipiche della costa del Mar Nero; il termine deriva dal greco e significa baia, originata dalle foci di fiumi sommersi.

4 Costantinopoli = nome antico della odierna città di Istanbul sul Bosforo in Turchia. L'imperatore romano Costantino I, conosciuto come Costantino il Grande, fece dalla piuttosto piccola città coloniale greca Bisanzio nel 330 la capitale dell'Impero romano e le diede il nome di "Nova Roma " (la seconda Roma). Dopo la sua morte, in suo onore, alla città venne data il nome Costantinopoli.
Costantinopoli per molto tempo fu il centro della cristianità. Essa collegava l'eredità dei romani con la filosofia dei greci e la fede dei Padri della Chiesa. Nel 12° secolo Costantinopoli aveva 1 milione di abitanti: la città più grande del mondo; 300 anni più tardi vivevano lì solo 50.000 persone. La perla del cristianesimo aveva perso il suo splendore.

5 Orda Nogai = un orda tartara che risale a Nogai, leader mongolo ed emiro dell'Orda d'Oro. Avevano la reputazione di vagabondi della steppa che accoglievano tutti coloro che si univano a loro. Dall'Orda Nogai, più tardi si sviluppò il popolo turco dei Nogai.

6 Tartari = dal greco tartaros: „quelli che vengono dall'inferno “; popolazione di origine turca proveniente dall'Asia centrale e dalla Siberia. Dopo essere stati sottomessi dai mongoli, i tatari invasero parte dell'Europa nel corso del XIII secolo. Guidati da Batu Khan, nipote di Gengis Khan, fondarono nel XIII secolo il khanato dell'Orda d'Oro, un vasto impero che governò gran parte delle regioni russe e giunse a controllare anche alcune regioni dell'Europa orientale (Carpazi, Bessarabia, Bulgaria, Polonia). Con la disgregazione dell'Orda d'Oro, nel XV secolo, nacquero alcuni khanati indipendenti (Kazan, Astrakhan, Sibir e Crimea). Nel XVI secolo i primi tre khanati furono conquistati dallo zar Ivan IV e nel 1783 anche la Crimea, ultimo stato tartaro, fu annesso all'impero russo.

7 I fanarioti erano gli abitanti del quartiere Fanar di Costantinopoli, dove attualmente ha sede il Patriarcato. Erano in prevalenza mercanti di origine greca o ellenizzati, che raggiunsero col tempo posizioni molto importanti all'interno dell'amministrazione dell'Impero Ottomano: nel XVIII secolo e nel XIX secolo, alcuni di essi arrivarono a ricoprire la carica di Principi di Valacchia e di Moldavia.

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2017
CSS validoHTML valido