sei in: Bessarabia > La Bessarabia nel 19° secolo

La Bessarabia sotto dominio russo

(parte 2 di 4)

 

boiardi nel 16°/17° secolo
boiardi nel 16°/17° secolo

quando Napoleone nel 1812 fece la guerra contro la Russia, lo zar Alessandro I dapprima affidò la provincia della Bessarabia alla classe superiore moldova dei boiardi1, soprattutto perché gran parte di loro aveva accolto con piacere l'annessione alla Russia.

Ma la maggioranza della popolazione era composta da piccoli agricoltori che producevano per il loro bisogno.

 

Il paese, per le continue guerre, era devastato e, a causa della burocrazia corrotta, la popolazione locale era dissanguata, visto anche che non esisteva una buona amministrazione. La massa dei contadini era personalmente libera, ma non possedeva terreno e quindi era dipendente dai proprietari terrieri aristocratici.

Alexander Tokarev: monumento dei lipovani in Vylkove
Alexander Tokarev:
monumento dei lipovani in Vylkove

 

Dopo la conquista della Bessarabia, molti, per paura dell'introduzione della istituzione della servitù della gleba, fuggirono a ovest del fiume Prut. A quel tempo l' istituzione della servitù della gleba era praticata in Bessarabia soltanto con gli zingari, memtre in Russia includeva tutti i gruppi etnici.

Già alla fine del 17° secolo un certo numero di servi russi e raskolniki1 (scissionisti) che più tardi vennero chiamati lipovani2, fuggirono dopo le riforme ecclesiastiche del patriarca Nikon in Bessarabia, dove si erano ritirati nelle paludi del delta del Danubio.

 

maggiori dettagli sulle riforme del patriarca Nikon ...... le riforme del patriarca Nikon

 

Scarlat Sturdza
Scarlat Sturdza

Il primo governatore civile della Bessarabia fu il boiardo1 moldavo Scarlat Sturdza.

Pavel Vasilievic Cicagov
Čičagov

A lui seguì poco dopo, l'ammiraglio e Capo dell'esercito Pavel Vasilievič Čičagov, che doveva riorganizzare l'oblast' (in russo per regione, provincia o area) della Bessarabia.

Dopo anni di improvvisazioni e di incertezze, lo statuto pubblicato nel 1818 concesse alla provincia della Bessarabia un ampia autonomia che la classe dirigente sfruttò per i suoi interessi.

Nuova Russia: Ekaterinoslav, Taurien, Nikolev (più tardi Cherson)
Nuova Russia:
Ekaterinoslav, Taurien, Nikolev (più tardi Cherson)

Nel 1828 l'amministrazione della Bessarabia venne adattata alle altre province dell'Impero Russo, sottomesso al Governatore Generale della Nuova Russia.

Iniziò una russificazione con l'introduzione della lingua russa come lingua ufficiale.

 

La 9^° guerra russo-turca (1828 - 1829)4

January Suchodolski: guerra russo-turca
January Suchodolski: guerra russo-turca

Il Trattato di Adrianopoli (l'odierna Edirne in Turchia) concluse la 9^ guerra russo-turca.

La Russia, vincitrice della guerra, ricevette quasi tutta la foce del Danubio, parti dell'Armenia ed alcune fortezze importanti sul corso superiore del Kura, il più grande fiume in Transcaucasia.

Per la Russia questo significava non solo la libertà di navigazione sul Mar Nero e attraverso lo stretto dei Dardanelli, ma anche il controllo della navigazione sul Danubio ed il libero accesso al Mar Mediterraneo.

 

La 10^ guerra russo-turca (guerra di Crimea) (1853 - 1856)

Ivan Ajvazovskij: la battaglia di Sinope
Ivan Ajvazovskij: la battaglia di Sinope

Con il Trattato di Parigi, che concluse nel 1856 la guerra di Crimea, il Delta del Danubio e due distretti della Bessarabia meridionale (Ismail e Cahul) vennero assegnati nuovamente al principato di Moldavia. Così l'Impero Russo perse di nuovo l'accesso al Danubio. 22 anni dopo, durante il Congresso di Berlino, la Russia ebbe indietro questo territorio.

Pace di Parigi, 1856
la Pace di Parigi, 1856

 

Nel 1856 in Bessarabia vivevano circa 990.000 persone, tra cui:

  • 736.000 rumeni (74,3%) e 254.000 non rumeni (25,7%) di cui:
  • 87.100 ucraini (8,8%),
  • 79.200 ebrei (8%),
  • 47.500 bulgari5 e gagauzi6 (4,8%),
  • 23.800 tedeschi 2,4%),
  • 10.900 zingari (1,1%),
  • 5.500 russi (0,6%);

 

barra

indietro 1 2 3 4 avanti

1 Boiardi = nobili di rango inferiore al Principe (Knjaz). Dal 8° al 14° secolo, in parte fino al 1945, i boiardi formarono la classe dirigente dei proprietari terrieri.

2 Raskolniki = (dal russo raskol: scissione) gruppi ecclesiali che si sono separati dalla Chiesa Ortodossa Russa dopo le riforme del patriarca Nikon. I raskoniki stessi si definiscono “Vecchi Credenti” che insistono sulla vecchia tradizione, liturgia e rito russo. La scomunica da parte della Chiesa russo-ortodossa contro i raskolniki nel 1656 e nel 1667 venne annullata nel 1971.

3 Lipovani = ortodossi russi, seguaci del vecchio rito ortodosso che fuggirono dalla Russia a partire dal 1654, per evitare le persecuzioni religiose da parte dello Stato e della Chiesa dopo la riforma del patriarca Nikon. Oggi vivono alla foce del Danubio, nel Budjak (ora Oblast di Odessa, Ucraina) e nella Dobrugia settentrionale (nella Romania odierna). I lipovani parlano una versione molto antica della lingua russa.
4 Le guerre russo-turche o russo-ottomane furono una serie di 11 guerre tra l'Impero Russo e l'Impero Ottomano. Le singole guerre hanno in media un intervallo di 13 anni. Nel loro percorso l'Impero Ottomano a poco a poco dovette cedere alla Russia i suoi territori intorno al Mar Nero. Gli sforzi per la guerra e le sconfitte dell'Impero Ottomano portarono al suo degrado interno ed al declino.

5 Bulgari = alcune famiglie bulgare, per trovare protezione dall'Impero Ottomano, immigrarono nella Bessarabia meridionale già nel 1770, 1790 e 1806, dove si stabilirono nel Budjak, nella zona di Izmail. Nel 1812 quando la Bessarabia venne annessa alla Russia, i coloni bulgari vivevano in 60 villaggi della Bessarabia.
Gruppi più numerosi immigrarono durante gli insediamenti programmati dalla Russia dopo la conquista definitiva della Bessarabia del 1812. Si stabilirono ad ovest della città Izmail, nelle vicinanze di Bolgrad e sui terreni abbandonati dai tartari.
Nel 1819 i 24.000 bulgari che vivevano in Bessarabia ricevettero un auto-governo e lo status di coloni, che era associato con privilegi.
Nel 1927 vivevano in Bessarabia circa 150.000 bulgari.

6 Gagauzi = gruppo etnico cristiano nel territorio autonomo della Gagauzia in Moldova, nel sudest della Bessarabia, in Russia, nell'Ucraina, in Romania e in Bulgaria; gli antenati dei gagauzi sono i p opoli turchi dei Peceneghi e dei Kipčaki.

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2017
CSS validoHTML valido